Tutte le attività didattiche sono strutturate e predisposte in relazione all’età e alle esigenze degli utenti. I diversi livelli di approfondimento e sviluppo delle tematiche permettono ad ogni laboratorio di adattarsi a qualsiasi fascia d’età, dalla scuola dell’infanzia alle scuole superiori, dai gruppi organizzati alle famiglie.

-  “riscopriamo gli animali della fattoria e le loro razze”:

attività a stretto contatto con gli animali, pensata per riscoprire le peculiarità di ogni singola specie e razza locale e apprezzare l’importanza della loro salvaguardia.

 

“e tu come stai?”: quali sono i tre protagonisti della fattoria? Come si può riuscire a far vivere bene contemporaneamente il fattore, gli animali, il territorio? in questa attività, il complesso concetto di sostenibilità nell’allevamento, viene spiegato attraverso l’osservazione diretta degli animali e delle loro abitudini ed esigenze quotidiane, tentando così di associare al “concetto puramente teorico” di sostenibilità, esperienze ed emozioni di vita reale

 

-   “una mattinata con il fattore”:

in questa attività i bambini potranno seguire il fattore nelle sue giornaliere attività di conduzione dell’azienda, cimentandosi così in alcuni dei principali lavori legati all’alimentazione e gestione degli animali (es: distribuzione del fieno e degli altri alimenti, raccolta delle uova, pulizia dei ricoveri)

 

-  “impariamo come gli animali della fattoria comunicano con noi”:

attività a contatto con i “grandi della fattoria” (principalmente asini e  pony) per imparare i gesti che permettono di avvicinare animali anche di grossa taglia, leggendone i segnali corporei con i quali ci comunicano le loro intenzioni.

 

- “antichi giochi in fattoria”:

attività ludica per riscoprire i passatempi dei nostri nonni. Semplici giochi di una volta che stimolavano la fantasia e la creatività individuale.

 

dal seme al…pane”:

i bambini impareranno a riconoscere i principali cereali a partire dalla loro spiga e dal loro seme. Grazie ad una piccola macina manuale, potranno poi trasformare i chicchi in farina. (Questo laboratorio può essere ampliato e integrato con l’attività di impasto e cottura del pane presso il limitrofo Centro di spiritualità e cultura Don Paolo Chiavacci)

Foto Foto

 

- “il riccio crescione“:

utilizzando materiali di scarto come sacchi di iuta, vecchi calzini e bottoni, i bambini potranno familiarizzare con il ciclo del seme (lino) e contemporaneamente conoscere l’importanza di un piccolo ma importante animale, il riccio, spesso presente nelle fattorie e nelle realtà contadine. Cimentandosi nella realizzazione di un “giocattolo fai da te”, potranno vedere di giorno in giorno la germinazione e lo sviluppo delle piccole piantine che andranno appunto a formare “gli aculei” del loro riccio!

 

 

 

Tutti i laboratori sono pensati per garantire la massima sicurezza dei partecipanti.

Saranno condotti dal fattore (già da tempo impegnata nell’attività di guida naturalistico ambientale e avente formazione università in campo agrario) o comunque da esperti del settore, specializzati in educazione ambientale e didattica.

 

Tutte le attività proposte sono inoltre rivolte anche a grest e centri estivi. In tali circostanze, la precedenza sarà data al gioco e all’attività ludica.

 

Ogni prima domenica del mese la fattoria sarà inoltre aperta a tutti coloro (privati, famiglie ecc) che avranno semplicemente voglia di passare qualche ora a contatto con gli animali, in un contesto immerso nel verde e a ridosso dei numerosi sentieri della pedemontana del Grappa.